5 modi di mappatura di drive basati su HTTPS battono i tradizionali VPN e firewall

Passi molto tempo a risolvere i problemi del VPN?
La tua forza lavoro da remoto ha perso produttività quando il VPN non funzionava?

Vuoi convertire le spese per firewall e VPN in risparmi o guadagni?

Passa a una soluzione di mappatura di drive basata sul web!
Risparmia denaro e aumenta la produttività e la mobilità dei tuoi dipendenti da remoto!

Stai potenziando la forza lavoro remota?

Ammettiamolo. La tecnologia VPN è complicata e il VPN è un fastidio. Un fastidio aggravato dallo stereotipo della maggiore pressione del lavoro da remoto.  Secondo un recente sondaggio di Gartner su direttori finanziari e direttori aziendali, il 74% delle aziende ha intenzione di convertire alcuni dipendenti al lavoro da remoto in modo definitivo. 

Google, ad esempio, ha annunciato dei piani per cambiare il modo di lavorare dei dipendenti. Esiste un’email aziendale di Sundar Pichai in cui si dice che l’azienda non solo rimanderà le riaperture a settembre 2021, ma si indirizzerà verso una “settimana lavorativa flessibile” alla ripresa del lavoro in presenza. Il personale dovrebbe lavorare in ufficio per almeno tre giorni di “collaborazione” ma potrebbe passare tutti gli altri giorni a casa.

Fonte: (aprile 2020)

Stai mantenendo coinvolti i lavoratori da remoto?

Secondo le ricerche accademiche, uno dei fattori che causano il disimpegno dei dipendenti è la necessità di scavalcare o aggirare barriere per ottenere quello di cui si ha bisogno o per eseguire il lavoro. 

Ora elenchiamo i passaggi che un lavoratore a distanza svolge per configurare i VPN sui dispositivi mobili. Per prima cosa, trova un “Client VPN AnyConnect”. Secondo, fai clic. Terzo: attendi che sia connesso e trova un file server nella rete aziendale; Quarto: mappa una lettera di unità oppure utilizza un’altra app. E infine, chiama il servizio assistenza quando si guasta. I problemi continuano. Le situazioni precedenti descrivono esattamente lo “scavalcare o aggirare barriere”?

Vuoi convertire le spese per firewall in risparmi o profitti?

Stai pagando un firewall Cisco o Palo Alto con un client VPN come AnyConnect? Il passaggio a una soluzione di mappatura di drive basata sul web può trasformare questi costi in risparmi o guadagni. L’aspetto fantastico è che una soluzione basata sul web è anche più facile da utilizzare, più veloce e più sicura. Risparmi sui costi delle licenze software, e anche per il minor numero di ore lavorative per la risoluzione dei problemi relativi ai VPN, guadagnando dalla maggiore produttività dei dipendenti.

Una soluzione basata sul web non significa che sia limitata a un’interfaccia browser web. Significa sfruttare i protocolli HTTPS/SSL basati sul web per avere una lettera di unità mappata da remoto sul computer portatile, avere applicazioni per dispositivi mobili su telefoni iOS e Android e avere file manager basati sul web sui browser moderni per accesso remoto ai file server.

Il fornitore del servizio riduce i costi per firewall e VPN dell’80% .  Di recente abbiamo discusso con uno dei nostri partner MSP. Avevano un grosso studio legale come cliente. L’azienda utilizzava un firewall Cisco e il client AnyConnect per consentire ai lavoratori da remoto di accedere ai file. Dopo aver trasferito 115 utenti su CentreStack, i costi sono stati ridotti di oltre l’80%. Soprattutto, risultava un’esperienza molto più semplice per i lavoratori a distanza, che eliminavano i ticket correlati ai VPN.

Ulteriori informazioni

Sembra troppo bello per essere vero?

Drive mappato basato sul web

Vuoi vedere come un approccio basato sul web unifica mappatura di drive, applicazioni per dispositivi mobili e browser web?

Ti chiedi come possiamo offrire maggiore sicurezza rispetto a un VPN?  Oppure se hai bisogno di un VPN o RDP per eseguire le applicazioni? Continua a leggere e affronteremo ciascuno di questi problemi.

Mappatura di drive

I dipendenti possono mappare una lettera di unità per i file server aziendali senza utilizzare un VPN.

Dispositivi mobili e web

L’approccio basato sul web è molto più semplice per l’unificazione di dispositivi mobili e browser web e soluzioni tradizionali di mappatura di drive in un’unica offerta. In confronto, una soluzione VPN basata su IPSec non è allo stesso livello delle applicazioni web.

Sempre connesso

L’approccio basato sul web è sicuro e allo stesso tempo non esigente come una soluzione basata su IPSec. È molto più facile continuare a lavorare sui file senza doversi preoccupare di un VPN non funzionante.

Più sicuro

Le soluzioni VPN basate su IPSec aprono l’intera rete ai dispositivi remoti. La mappatura di drive basata sul web può bloccarla al numero minimo di porte e protocolli richiesti per una superficie di attacco molto inferiore.

Come viene aumentata la sicurezza rispetto a un VPN?

Ecco alcuni esempi dei vantaggi alla sicurezza che derivano dall’utilizzo di una soluzione di drive mappato basata sul web per sostituire o discutere un VPN.

  1. Non sarà più necessario consentire endpoint non gestiti sulla rete aziendale per fornire accesso remoto.
  2. La superficie di attacco viene ridotta dal momento che le connessioni da remoto vengono limitate alla porta 443, protette da crittografia SSL tramite HTTPS e i protocolli interni vengono bloccati al SMB (Server Message Block) e LDAP (accesso Active Directory).
  3. Gli endpoint remoti vengono controllati centralmente tramite criteri di gruppo, auditing e reporting. Le modifiche ai file vengono verificate e le modifiche alla cronologia vengono conservate.
  4. Gli agenti client offrono funzioni di gestione dei dispositivi come la cancellazione da remoto e l’accesso con criteri.

Cosa succede se ho bisogno di un VPN o un RDP per avviare un’applicazione sul desktop?

Otterrai ancora tanti benefici dalla soluzione di mappatura di drive basata sul web insieme al VPN. Ad esempio, i lavoratori da remoto spesso devono accedere alla connessione VPN anche se vogliono soltanto accedere a un file. Questi utenti non consumeranno più una connessione VPN e utilizzeranno molto meno larghezza di banda. Invece, avranno un drive mappato sempre attivo che memorizza automaticamente il working set a livello locale.

5 interessanti motivi per passare dal VPN alla mappatura di drive su HTTPS

La mappatura di un drive su HTTPS fornisce numerosi vantaggi per il file sharing on-premise. Ma il tema comune è combinare il meglio dei due mondi. Vogliamo che la sicurezza e il controllo di un file server tradizionale siano combinati alla fruibilità e alle funzioni di collaborazione dei servizi basati sul cloud come Dropbox e OneDrive.

Le soluzioni Gladinet ottengono questo creando il proprio tunnel sicuro su SSL per fornire l’accesso ai file server e quindi presentare i file sull'endpoint in un drive mappato con cui gli utenti hanno familiarità. Durante il funzionamento del drive mappato, l’utente noterà opzioni aggiuntive nel menu del tasto destro che offrono strumenti per l’aumento della produttività come la possibilità di richiedere i file, condividere file, abilitare l’accesso offline, generare link pubblici, gestire revisioni per proteggere i dati e molto altro. In altre parole, è un approccio innovativo per l’unificazione del cloud e dei sistemi di archiviazione on-premise senza perdere nessuno dei rispettivi vantaggi utilizzando il drive mappato come punto focale per consentire all’utente di accedere, condividere o gestire i file sul cloud o sui file server remoti da qualsiasi postazione.

Motivo 1: migliori prestazioni su Internet

Il salvataggio delle richieste di accesso on-demand su un drive mappato basato sul file system offre alcuni notevoli benefici per le prestazioni. In particolare, gli utenti generalmente si troveranno a recuperare i dati dalla copia salvata a livello locale durante il regolare funzionamento. E quando un cache miss richiede il trasferimento dei dati, verranno salvate soltanto le differenze e quei trasferimenti passeranno anche attraverso una serie di sofisticati algoritmi di compressione. Il punto è che gli utenti hanno l’impressione di essere ancora connessi alla rete LAN ad alta velocità nell’ufficio anche quando lavorano da remoto o da casa. Per l’utente medio potrebbe non risultare facile capire perché è essenziale che i drive mappati si basino su un protocollo moderno ottimizzato per lavorare su HTTPS invece che condividere file su una rete WAN abilitata al VPN. E potrebbero non comprendere che i protocolli di file sharing (CIFS/SMB) progettati per operare su una rete locale (LAN) ad alta velocità, bassa latenza ed elevata affidabilità non funzioneranno altrettanto bene quando verranno costretti tra la WAN dal VPN utilizzato. Ma dopo aver provato la semplicità di utilizzo e le prestazioni di un drive mappato su HTTPS, non si preoccuperanno del perché funziona. Vorranno avere la garanzia che continui a funzionare.

Motivo 2: facilità di utilizzo

Quando i lavoratori remoti utilizzano un VPN, devono ricordare consapevolmente se sono “connessi” o “disconnessi”. A peggiorare le cose, i glitch della rete e gli eventi di chiusura del laptop possono trasformare i VPN in uno stato “disconnesso”, anche quando i dipendenti a distanza riconoscono che lo stato del VPN fosse “connesso”.

Obbligare gli utenti finali a ricordare uno stato VPN è come chiedere ai clienti di un ristorante di apparecchiare la tavola e portare i piatti quando sono pronti. Una soluzione semplicissima è avere una lettera di unità sempre attiva che gestisce automaticamente lo stato online o offline. I lavoratori da remoto si concentreranno sul contenuto dei file, senza il fastidio di “connettere un client VPN AnyConnect”.

Motivo 3: mobile e web

Dropbox e OneDrive hanno diffuso l’idea che è possibile avere i propri file a portata di mano sia su laptop, telefono cellulare o tramite un browser web. I file sono sempre a disposizione sul dispositivo più vicino.

Con una soluzione VPN, ai lavoratori da remoto viene richiesto di fare i salti mortali, come trovare un client VPN o un'app sul dispositivo, collegarla e scollegarla dopo l’utilizzo. Ti sembra un cosa positiva? Se fai i salti mortali, alla fine hai i file a portata di mano?

Hai bisogno di una soluzione che funziona come OneDrive, ma invece connetti i lavoratori remoti a file server aziendali.

Motivo 4: aumento della sicurezza

La mappatura di un drive su HTTPS riduce notevolmente la superficie di attacco. Quando un dispositivo client si collega alla rete con un VPN ha maggiore accesso alla rete. Questo può rivelarsi problematico per un dispositivo non gestito (tipico per gli utenti privati) che potrebbe non avere le corrette versioni di software antivirus o altre contromisure di sicurezza in vigore. Al contrario, la mappatura di drive su HTTPS fornisce soltanto l’accesso alle condivisioni di file che ciascun utente necessita senza consentire l’accesso all’intera rete. Questo rende molto più difficile montare un attacco. E oltre alla fondamentale riduzione nella superficie di attacco, esistono ulteriori funzioni di sicurezza come il rilevamento e la mitigazione di ransomware, crittografia, data room sicuri, autenticazione a più fattori, auditing e reporting che forniscono un robusto arsenale di contromisure per impedire intrusioni o altri utilizzi non autorizzati.

Motivo 5: supporto offline

Come detto in precedenza, il file sharing sicuro con un VPN funziona solo se è connesso. I lavoratori da remoto devono fare clic con il tasto destro su qualsiasi cartella per la funzione “Abilita accesso offline”. I contenuti della cartella verranno quindi copiati nella cache locale per consentire di lavorare mentre non si è collegati alla rete. Il software sincronizzerà automaticamente la cartella offline sul file server quando la connettività viene ripristinata, ma è possibile continuare a lavorare ininterrottamente quando la connessione viene persa. In questo modo, il lavoro a distanza può continuare senza alcun affidamento sull’affidabilità o la velocità della connessione a Internet.

Sei pronto a elevare i file server dalla sede locale al cloud e aumentare la produttività della forza lavoro mobile?